slide giovani.png
giovani
  • imperia insieme.jpg
    imperia insieme.jpg
"Vittoria! Il grido di giubilo di chi ha vinto una competizione elettorale lunga e fortemente combattuta.
E’ una sensazione bellissima, e ci sentiamo addosso un grande senso di responsabilità nei confronti dell’intera comunità. Abbiamo fretta, perché ci avete chiesto velocità, abbiamo passione, perché ci avete chiesto di difendere la nostra città, e abbiamo idee, perché futuro, non rimanga solamente una parola astratta.
'Imperia Insieme' grazie a tutti voi ha ottenuto un risultato straordinario, e con le sue 3042 preferenze è risultata la lista più votata su tutto il territorio Imperiese. Grazie.
Grazie a tutti VOI porteremo in Consiglio Comunale nove Consiglieri, che con grande determinazione lavoreranno alacremente al fianco, e con Claudio Scajola per rilanciare la nostra bella città.
Consentiteci di rivolgere un caloroso applauso a tutti i nostri candidati, e un grazie particolare a tutti quelli che non sono stati eletti in questa tornata elettorale ai quali ribadiamo, che il loro contributo per i prossimi cinque anni sarà basilare per il buon governo della nostra città poiché rappresenteranno la vox populi dell’intera collettività. Attivi sul territorio, sempre a stretto contatto con la gente, saranno l’anello di congiunzione tra i cittadini e tutto il nostro gruppo consigliare.
Nel momento in cui ci apprestiamo ad iniziare la nostra esperienza amministrativa il pensiero più autentico è rivolto a tutti voi.
Il nostro impegno sarà totale, perché siamo consapevoli che solamente attraverso un grande sforzo unitario sarà possibile raggiungere quegli obiettivi di crescita civile, sociale ed economica ai quali tutti indistintamente puntiamo. Possiamo assicurarvi che cercheremo e troveremo quella compattezza con gli altri gruppi consigliari che ci permetterà di presentarci uniti nei vari contesti, poiché solo così avremo la possibilità di contare affermando le nostre idee, trovando soluzioni comuni ai problemi della gente. Non sarà facile, ma nemmeno impossibile, perché il senso di responsabilità sorreggerà il nostro lavoro. Siamo convinti che quando si lotta e si crede fortemente in qualcosa si possono trovare soluzioni per il bene comune e l’equità sociale.
Vi chiediamo di lavorare insieme a noi per rendere Imperia una città finalmente viva dalle grandi prospettive, il motore trainante per l’intero territorio. Grazie ancora a tutti perché siete stati meravigliosi, e grazie a Claudio Scajola, preziosa guida e condottiero infaticabile che con irriducibile energia ha affrontato a testa alta e tanta signorilità, i malanimi di una campagna elettorale aspra, totalmente avversa.
Abbiamo deciso di salutarvi dedicandovi le parole con le quali John Fitzgerald Kennedy inaugurò il suo mandato presidenziale: 'non chiedete al paese ciò che può fare per voi, ma chiedete che cosa potete fare voi per il paese'.
Grazie a tutti!".
  • imperia insieme.jpg
    imperia insieme.jpg
“Alla fine ci siamo arrivati. Domenica si vota, e finalmente Imperia conoscerà il nome del suo nuovo Sindaco, l’uomo che per i prossimi cinque anni avrà nelle proprie mani le vite di un’intera comunità, il destino di una città, e di tutto il suo territorio - Ecco la nota stampa della lista Imperia Insieme.
La nota stampa di Imperia Insieme
E’ stata una campagna elettorale lunga, serrata, e combattuta duramente sempre in prima linea. “Imperia Insiemenon si è mai risparmiata o tirata indietro, tenendo testa a tutti e rispondendo colpo su colpo agli attacchi e alle bordate dei diretti avversari.
Abbiamo avuto l’onere di mettere in campo un gruppo di persone caparbie, entusiaste, capaci ,e fortemente motivate. Uomini e donne che si sono spesi anima e corpo per la loro lista e per il loro candidato Sindaco, Claudio Scajola.
Innanzitutto vogliamo ringraziare tutti coloro che ci hanno portato sin qui, iniziando proprio dai nostri trentadue candidati e dalle loro famiglie, che con un coraggio, li hanno sostenuti condividendone i grandi sacrifici. Grazie a tutti i membri dell’Associazione Culturale Imperia Insieme che si sono prodigati e spesi in prima persona per questo grande progetto, grazie ai tanti volontari che ci hanno sorretto ed aiutato senza mai risparmiarsi, per le strade, tra la gente e tenendo vivi i nostri point, grazie al lavoro paziente e discreto di preziose collaboratrici che con entusiasmo ed energia hanno sospinto tutti noi, ma soprattutto grazie a tutti VOI, per aver creduto in noi.
Ci sembrava doveroso iniziare con i ringraziamenti perché se oggi siamo arrivati sin qui lo dobbiamo esclusivamente alle migliaia di persone che ci hanno sostenuto accordandoci la loro fiducia.
Siamo ad un solo metro dal traguardo finale, e adesso più che mai, per il bene di tutti, vi chiediamo un ultimissimo sforzo affinché il risultato strabiliante consegnatoci dalle urne lo scorso 10 giugno sancisca definitivamente la vittoria finale di Claudio Scajola a Sindaco della nostra città.
Nelle ultime due settimane si sono susseguiti incontri e confronti, raffrontate idee, opinioni, programmi e punti di vista.
Claudio Scajola lo si è visto ovunque, sempre sorridente ed aperto a tutti. Si è fermato ovunque a parlare con la sua gente cogliendone ogni prezioso punto di vista, ed ascoltando interessato anche i più semplici consigli.
La nostra squadra è pronta a sostenere il grande progetto di cambiamento di Claudio Scajola. Ci sarà da lavorare, tanto e duramente, ci sarà da scontrarsi con i poteri forti, ma noi sapremo farci sentire, battere i pugni nelle sedi opportune, per reperire fondi preziosi con i quali rifinanziare progetti importanti, insomma, ci sarà da rimboccarsi le maniche e dedicarsi anima e corpo al rilancio della nostra città.
Vi chiediamo di credere ancora una volta in noi e nelle straordinarie capacità di Claudio Scajola.
Siamo convinti che per amministrare una città ci voglia anche tanta passione, e Claudio Scajola ci ha dimostrato più, e più volte di amare immensamente la sua città e tutta la sua gente.
Abbiamo bisogno di una guida sicura, intelligente, esperta, e con le idee molto chiare. Abbiamo bisogno di un uomo che non abbia timore di prender decisioni e che possa dedicarsi a tempo pieno all’intera comunità.
Adesso, ora più che mai, per rilanciare Imperia, c’è bisogno di Claudio Scajola. Domenicabper il bene di IMPERIA andiamo TUTTI a VOTARE, e da donne e uomini liberi, VOTIAMO per CLAUDIO SCAJOLA”
.

Fonte: imperiapost







  • marchio.jpg
    marchio.jpg
"Faccio una breve analisi riflettendo con voi sulle motivazioni che hanno portato alla forte crisi del commercio cittadino", così Mirka Bertolini Giacomelli di ‘Imperia Insieme’ apre alle considerazioni riguardanti la preoccupante diminuzione dei consumi".



"Viene individuata come causa principale della crisi del piccolo commercio la diminuzione della domanda interna, ovvero, la ridotta possibilità delle famiglie a spendere per i consumi, ed insieme a questo, ricordo che il prelievo fiscale e la moltitudine di tasse e balzelli a carico dei piccoli imprenditori e’ una concausa della difficoltà attuale.



Anche la categoria degli artigiani ha accusato notevoli cali, a causa della staticità dell’economia.



A questo si aggiunge il successo dei centri commerciali che hanno risentito meno della crisi per svariati motivi, a cominciare dal fatto che offrono caldo d’inverno e fresco d’estate invogliando in questo modo il consumatore a fare acquisti con più comodità. Inoltre i centri commerciali, sottolinea Mirka Bertolini Giacomelli, osservano orari continuativi senza sottostare a una sigla sindacale.



A gravare la crisi, altre forme di vendita che operano con modalità non tradizionale, come la vendita per corrispondenza, l‘utilizzo di internet per l’acquisto di abbigliamento e calzature, prodotti per l’informatica, editoria, musica, articoli sportivi ecc.



Ecco che emerge da questi dati il palese limite del piccolo commercio, fare i bottegai al giorno d’oggi non porta più all’impresa un utile guadagno, se poi aggiungiamo il caro affitto , possiamo dire che chi resiste o apre un attività commerciale è una persona coraggiosa e da ammirare.



Sono proprio i commercianti l’anima della nostra città e l’ago della bilancia della nostra piccola economia. Sono loro che dovrebbero dettare una linea guida e non le Associazioni di Categoria che hanno scelto da tempo di non preoccuparsi veramente di fare squadra ridefinendo un piano commerciale rivolto a riqualificare ciò che non funziona.



A questo punto con l’amministrazione di Claudio Scajola si propone un dialogo aperto a tutta la città, affinché le piccole e medie imprese possano ridiventare il motore dell’economia per far ripartire Imperia, sopratutto in termini di agevolazione dei costi.



La nostra città e’ stata lasciata allo sbando per troppo tempo e proprio questa categoria ne ha fortemente risentito. Non necessariamente una città che funziona e attira turismo deve avere solo monumenti famosi, ma anche bellezze naturali ,che noi già abbiamo ma che sono ancora da valorizzare , come angoli suggestivi, scorci meravigliosi, strade fuori dal tempo, frammenti di storia vissuta che rappresentano quella ricchezza straordinariamente naturale che bisogna con maestria, saper proporre, per iniettare nuova linfa.



Questi elementi, come il saper ampliare la gamma dei nostri prodotti tipici artigianali, prezioso tesoro della nostra cultura sono elementi di innovazione commerciale.



Con la chiusura della fabbrica dell’AGNESI la nostra città ha perso un tassello importante della sua economia.



Le imprese devono avere la priorità perché dove c’è occupazione c’è benessere e mai più dobbiamo permettere a nessuno di portarci via niente, perché il lavoro deve poter essere come una volta, tramandato da padre in figlio!



La città ha bisogno di risposte immediate e di aiuti concreti, e l’amministrazione di Claudio Scajola può fare molto, partendo dalla riduzione dei costi a carico delle attività imprenditoriali, snellendo il più possibile ogni pratica burocratica, instaurando con i proprietari dei locali sfitti un dialogo volto ad una politica di locazioni calmierate con agevolazioni fiscali per tutti coloro che vorranno adottare questa soluzione.



Ulteriori sforzi saranno inoltre compiuti per dare splendore alle diverse piazzette interne dove poter creare piccoli quartieri di commercio all’aperto per promuovere la vendita dei nostri prodotti a km0. Questi insomma sono alcuni degli intenti che Claudio Scajola ha nel suo programma per rivitalizzare Imperia creando buone opportunità e agevolazioni a chi vuole avviare o continuare un progetto imprenditoriale.



Domenica 24 GIUGNO per il bene di IMPERIA andiamo TUTTI a VOTARE, e da donne e uomini liberi, VOTIAMO per CLAUDIO SCAJOLA".
  • marchio.jpg
    marchio.jpg
Dopo quindici anni passati nella splendida Roma la nostalgia di casa ha preso il sopravvento e ho deciso di tornare a vivere nella mia amata Imperia". Così Giovanna Cacciatore di “Imperia Insieme” a sostegno della candidatura a sindaco di Claudio Scajola, spiega le ragioni del suo ritorno in città.





"Luci, suoni, colori, addirittura gli odori, tutto mi mancava quando ero lontana, la famiglia certamente, ma soprattutto la gente. - racconta Giovanna Cacciatore - Si perché la gente di Imperia è sempre stata speciale, proprio come il clima della sua incantevole baia, ma da donna e da mamma di una bimba piccola, al mio rientro ho dovuto constatare che Imperia non è più la città tranquilla e sicura di una volta. Io mi ricordo quando la gente la sera lasciava la bicicletta appoggiata ai muri della propria casa, e la mattina dopo la ritrovava sempre li. Imperia è cambiata, e purtroppo per noi, la deriva pericolosa che ha preso ha connotazioni socio/culturali pericolose".





"Interi quartieri abbandonati a se stessi, le zone intorno alle scuole sporche e degradate, e i giardinetti? Vogliamo parlare dei parchi giochi per i bambini, lerci, dove bottiglie rotte, mozziconi di sigarette, profilattici usati e ogni genere di rifiuto, germogliano come funghi tra l’erba alta e le panchine vandalizzate. Poi c’è il problema dello spaccio in pieno giorno, nei parcheggi e nelle piazzette più isolate - continua Giovanna Cacciatore - dove basterebbe un serrato controllo attraverso delle videocamere collegate direttamente alla Questura per limitare la vendita quotidiana di stupefacenti e droghe pesanti".





Dichiara Giovanna Cacciatore: "Controllo, pulizia, riqualificazione ed un miglior utilizzo degli spazi, sono alla base del dettagliamo programma di buon governo di Claudio Scajola. Di lavoro da fare ce ne veramente tanto, ma la parola d’ordine per tutti deve essere riqualificazione perché il degrado porta solo decadenza, e la decadenza è la fine dello stato sociale. Di esempi deleteri ce ne sarebbero davvero tanti. Penso ai giardini del Rosario adiacenti alla Betlemme, bellissimi ma abbandonati a se stessi, penso agli scarsissimi spazi ricreativi concepiti in forma solidale per i nostri anziani, senza posti di ristoro o zone attrezzate dove potersi ritrovare e magari fare anche una bella partitina a bocce, penso ai bambini, agli spazi ludici che scarseggiano, e ai giochi rovinati da giovani bulletti annoiati senza controllo, penso a tutte le persone che amano gli animali, e alla necessità di creare per loro all’interno dei parchi urbani o delle aree verdi delle zone attrezzate dove poter far correre e svagare in piena libertà il proprio cane, ed infine penso ai più fragili, che con gravi problemi di mobilità affrontano giornalmente le innumerevoli barriere architettoniche disseminate per tutta la città".





"Migliorare il luogo in cui si vive fa parte del senso civico di ognuno di noi. Un senso civico che sembrava scemato nel cuore e nella coscienza degli Imperiesi fino all’annuncio della discesa in campo di Claudio Scajola. Con Claudio Scajola il nostro senso d’appartenenza ha ripreso vigore. E’ l’uomo giusto per rilanciare la nostra bellissima città e risolvere gli innumerevoli problemi che l’hanno paralizzata per anni. Siamo orgogliosi di far parte della coalizione che lo sostiene in questa difficile campagna. Fino all’ultimo non molleremo di un solo centimetro, battendoci per le innumerevoli persone che ci hanno portato sin qui. - conclude Giovanna Cacciatore - Domenica 24 giugno per il bene di Imperia andiamo tutti a votare e da donne e uomini liberi, votiamo per Claudio Scajola".

Fonte: sanremo news
  • rossana_ermirio.jpg
    rossana_ermirio.jpg
Rossana Ermirio, in corsa in queste elezioni a sostegno della candidatura a sindaco di Imperia di Claudio Scajola, interviene per analizzare una serie di migliorie apportabili nella gestione delle coste imperiesi.



“La mia prima campagna elettorale sta giungendo al termine, desidero ringraziare tutti quelli che mi hanno sostenuto e inoltre esternare la mia gratitudine all’intera squadra che con un super Capitano, crede in un progetto semplice ma sicuramente efficace per rilanciare Imperia: pulita, sicura, prospera, solidale e viva. - sottolinea la candidata - A Imperia bisogna valorizzare quanto la natura ci ha donato, pertanto è di fondamentale importanza attuare una gestione delle zone costiere, sostenibile a livello ambientale, equa a livello economico, responsabile a livello sociale, sensibile a livello culturale, per tutelare l’integrità di questa importante risorsa".




"Per quanto sopra, inizierei da alcuni interventi che potrebbero valorizzare e rendere più ospitale questa città a naturale vocazione turistica, dove il turismo balneare è una delle principali risorse economiche, occupandomi della manutenzione e del potenziamento delle spiagge, grazie al contributo della Regione si dovranno eseguire interventi di ripascimento degli arenili sia di carattere stagionale che strutturali: esempio di ripascimento stagionale: la spiaggia di Borgo Marina Porto Maurizio. - spiega - Esempio di ripascimento strutturale: la spiaggia sotto il muro della passeggiata di Borgo Peri con lo spostamento più al largo della scogliera antistante".




"Solo due esempi per rendersi conto di come può e deve cambiare il litorale Imperiese! Non posso però non evidenziare altri interventi che sono necessari sul litorale imperiese, come la bonifica della spiaggia antistante il Parco Urbano, la sistemazione delle spiagge di Borgo Prino e una cura attenta di tutto il litorale con l’installazione di servizi atti a far sì che Imperia sia più accogliente e fruibile per Tutti. Aiutatemi a realizzare questo progetto, dando la fiducia con il vostro voto il 24 giugno 2018 a Claudio Scajola. Un nuovo rinascimento attende Imperia" - conclude Rossana Ermirio.

Fonte: sanremonews
  • rinuinone-capigruppo-antonio-marzo-imperia-13-4-17-6.jpg
    rinuinone-capigruppo-antonio-marzo-imperia-13-4-17-6.jpg
Incontro in Comune a Imperia questo pomeriggio tra i capigruppo e l’imprenditore Antonio Marzo. All’ordine del giorno il progetto per la realizzazione di un capannone per il deposito e lo smistamento di merci a Piani. Nelle scorse settimane il consiglio comunale ha bocciato la proposta di variante al piano regolatore, atto propedeutico, necessario, per poter dare il via all’operazione, ma Marzo non si è ancora arreso e, nonostante le vibranti proteste degli abitanti di Piani, ha deciso di ridiscutere del progetto con il Comune.

Nell’incontro odierno, l‘imprenditore ha spiegato ai capigruppo che fu l’allora assessore all’urbanistica Luca Lanteri a consigliargli di acquistare l’area. Il progetto, però, non riuscì mai a decollare.

“È stato un incontro chiarificatore dove abbiamo spiegato meglio le cose - afferma Antonio Marzo - Non ci sarà un via vai di camion, ma sarà un luogo adibito a produzione. Ora faremo degli interventi sull’immobile e vedremo cosa succederà.

Durante l’incontro di oggi ho fatto una fotografia dall’inizio, da quando ci hanno sfrattato dal porto a quando ho comprato questo terreno. Avevo chiesto un parere a Lanteri, anche lui interessato a un posto per i camion, e mi ha appoggiato nella scelta, ma non era lui che poteva decidere le sorti di questo progetto, che purtroppo non è andato ancora in porto.

L’ex Italcementi potrebbe essere una possibilità - continua - dato che l’azienda che dovremo servire ha posto la condizione di essere vicini circa 5 km a un’uscita dell’autostrada.

Per i prossimi passi, guarderemo le modifiche da fare e poi - conclude - se per caso le cose andranno bene si andrà avanti, se no Imperia perderà un’opportunità di lavoro, che avrebbe sviluppo”.

Per quanto riguarda il Partito Democratico, la capogruppo Gianfranca Mezzera ha espresso nuovamente la propria contrarietà al progetto di realizzazione del capannone a Piani, invitando Antonio Marzo a individuare un’altra area alternativa. 

Fonte: imperiapost
  • marchio 1.jpg
    marchio 1.jpg
"Quando ci si incammina sul lungomare, passeggiando pigramente sotto il caldo sole ponentino, e alzando lo sguardo verso monte, si scorge un magnifico borgo marinaro affacciato su una baia mozzafiato degno del miglior romanzo di Emilio Salgari, ci si rende finalmente conto di essere arrivati a 'Borgo Prino'." Così Rita Elena di 'Imperia Insieme' introduce una serie di riflessioni riguardati una delle zone più belle e caratteristiche di Imperia.
"Mare, spiagge e divertimento - continua Rita Elena -, sono l’anima di questo angolo di marina. Unico e suggestivo ed affascinante.
Il quartiere di 'Borgo Prino', è stato per anni il punto di riferimento della movida per i giovani Imperiesi. Un luogo dove ritrovarsi tutti insieme la sera, con positiva allegria, divertendosi e socializzando come solo i ragazzi di vent’anni sanno fare.
Ma oggi purtroppo, tutti i suoi famosi locali sono stati chiusi, le discoteche sfollate, e le poche attività rimaste ancora aperte, isolate perlopiù dai luoghi di “tendenza” privilegiati quando si esce con gli amici, completamente tagliate fuori dal circuito cittadino. A conti fatti - ci spiega Rita Elena -, 'Borgo Prino' ha perso la sua vitalità, così come la sua esclusività, e tenuto conto che la maggior parte delle persone frequenta abitualmente i locali e le spiagge delle altre marine presenti in città, possiamo tranquillamente affermare che 'Borgo Prino' è diventato l’estrema periferia del 'nulla'.
Se c’è una cosa che ho compreso in questi lunghi mesi di campagna elettorale, è che bisogna sviluppare proposte valide e realizzabili a misura d’uomo, perché a promettere son bravi tutti, ma quando l’esaltante emotività che ti sorregge durante tutta la campagna elettorale svanisce, e bisogna cominciare a lavorare affrontando i problemi reali, devi trovarti nelle condizioni di guardare in faccia le persone che ti hanno sostenuto perché l’impegno che hai preso con loro è vincolante, e rappresenterà per i prossimi cinque anni, la tua principale missione.
A parer mio la marina di 'Borgo Prino' è uno degli angoli più belli e suggestivi di Imperia ma la prossima amministrazione dovrà necessariamente mettere mano alla regolamentazione dei dehors interpretando le esigenze estetiche e funzionali di questo incantevole borgo marinaro.
Sarà necessario un articolato lavoro progettuale coordinato con l’Ufficio Arredo Urbano del Comune per correggere il diffuso “disordine” degli spazi aperti dei bar e dei ristoranti, disegnando un sistema visivo coerente e lineare con la posizione della baia, partendo dall’arredo, proseguendo con l’illuminazione, le coperture e le pedane, sino arrivare alle fioriere.
Prima ho accennato anche alle spiagge. 'Borgo Prino' ha delle spiagge bellissime, ma se escludiamo quelle gestite privatamente, organizzate, ordinate e pulite, le cosiddette 'spiagge libere' vertono in uno stato di abbandono e totale incuria. Comprendo e condivido la serenità di una giornata passata al mare sotto un ampio ombrellone comodamente distesi su di un pratico lettino, ma visto i tempi di crisi e la sofferenza sempre maggiore delle famiglie, sono assolutamente convinta che la prossima amministrazione dovrà necessariamente lavorare per ridare dignità alle spiagge comunali, frequentate peraltro ogni estate da migliaia di perone. Sporche, piene di detriti, bottiglie rotte e rifiuti abbandonati, con le docce fatiscenti e bagni dagli scarichi inutilizzabili. Uno spettacolo di assoluta inciviltà, indegno di un capoluogo di provincia.
Domenica ci sarà il ballottaggio e finalmente i cittadini Imperiesi eleggeranno il loro Sindaco, e con lui, tutte le persone che per i prossimi cinque anni dovranno aiutarlo a governare una città problematica come Imperia. In questi lunghi mesi di campagna elettorale ho camminato a fianco di Claudio Scajola, imparando a conoscerlo e a stimarlo, prima come uomo e poi come leader. Sono assolutamente certa che se gliene darete la possibilità saprà contraccambiare la fiducia accordatagli lavorando alacremente per il bene della nostra città. Abbiamo portato avanti con forza concetti importanti come VIVA, PROSPERA e SOLIDALE.
Non semplici parole - conclude Rita Elena -, ma impegni adamantini presi con ognuno di VOI. Noi ci crediamo davvero!

Domenica 24 GIUGNO per il bene di IMPERIA andiamo TUTTI a VOTARE, e da donne e uomini liberi, VOTIAMO per CLAUDIO SCAJOLA".

Fonte: sanremonews
  • calata cuneo.jpg
    calata cuneo.jpg
"Siamo arrivati alle battute finali di questa lunghissima campagna elettorale e a pochi giorni dal voto assistiamo increduli a una serie di attacchi intimidatori e diffamatori nei confronti dei nostri candidati oltre e che verso Claudio Scajola".







Interviene in questo modo la lista 'Imperia Insieme', che prosegue: "Per ragione di cronaca, ricordiamo che prima del voto dello scorso 10 giugno, lo schieramento del centrodestra, capitanato da Giovanni Toti ha avversato la candidatura di Claudio Scajola in tutti i modi, arrivando addirittura a mobilitare da fuori Maurizio Gasparri, Giorgia Meloni, Matteo Salvini. Adesso che il loro candidato sindaco si ritrova con un distacco di quasi sette punti alle spalle della nostra coalizione, tutta civica e tutta Imperiese, il gruppo che sta dietro Lanteri ha deciso di cambiare tutto e affidarsi alle “mani esperte” di un professionista della comunicazione politica. Non conosciamo questo signore, e non ci permettiamo giudizi personali, ma il gioco al massacro che è stato messo in moto in questi ultimi giorni non ha nulla a che vedere con una campagna elettorale civile e politicamente corretta. Assistiamo a colpi bassi e vere e proprie mistificazioni sistematiche della realtà, atte, è evidente, a confondere le acque. Ci siamo resi conto che nelle casse dello staff di Lanteri devono essere piovuti molti soldi, segno evidente dell'interesse che questa corsa suscita in chi la sta sovvenzionando".







"Prima, sono state commissionate centinaia di magliette che hanno sfilato persino alla festa di San Giovanni, poi, è partita una discutibile e aggressiva propaganda sul web, a seguire, una serie sconsiderata di articoli calunniosi contro Claudio Scajola, fatti uscire a nome e per conto del coordinatore cittadino, Antonello Ranise, e della capogruppo di Forza Italia Piera Poillucci; in ultimo, sono arrivati i camion con cartelloni pubblicitari recanti la bella faccia “del nuovo che avanza”, nei quali, all'improvviso, è spuntato il volto di Lanteri a sostituire quello di Salvini, confondendo ancora una volta le carte di fronte agli imperiesi. Dulcis in fundo, è spuntato “quell'elegantissimo” spot pubblicitario che anziché invitare a votare Lanteri, si accanisce su Scajola".







"Basta, è ora di finirla. Dalle parti di Lanteri non sono proprio capaci a giocare pulito? Non è dipeso da noi se il loro candidato sindaco non è risultato all’altezza delle grandi aspettative di Giovanni Toti e Matteo Salvini. Non è dipeso da noi se per tutta la campagna elettorale lo hanno nascosto agli sguardi della gente, preferendogli volti noti della politica romana. Non è dipeso da noi se la sua credibilità è andata a farsi benedire dopo gli innumerevoli cambi di casacca che hanno costellato la sua lunga esperienza politica. Non è dipeso da noi se adesso che il fondo della barca traballa nessuno di quelli di Forza Italia, Fratelli d’Italia e della Lega, venuti prima da fuori, ha più voglia di metterci la faccia, lasciandolo solo. Non è dipeso da noi se adesso Lanteri sembra quasi vergognarsi dei simboli che prima ostentava: perché all'improvviso sono spariti? Non è dipeso da noi se la gente percepisce Lanteri candidato sindaco come una marionetta nelle mani di qualche potere forte, sia esso politico o economico. Non è dipeso da noi se Lanteri, invece che fare proposte sue, ha concentrato la sua campagna contro il nostro candidato sindaco".







"Ci teniamo a sottolineare alcune cose.



E' merito anche di tutti i gruppi civici a sostegno di Scajola se il grande messaggio CIVICO di speranza e di rinascita di Claudio Scajola si è diffuso e radicalizzato nel cuore della gente.



E' merito anche di tutti i gruppi civici a sostegno di Scajola se la politica è tornata vicino agli imperiesi con uno spirito civico e inclusivo.



E' stato merito anche di tutti i gruppi civici a sostegno di Scajola se in questa campagna elettorale non sono volati gli stracci. Perché non abbiamo mai prestato il fianco alle provocazioni.



Noi siamo aperti a tutti e contro nessuno".

Fonte: sanremonews
  • assonautica.jpg
    assonautica.jpg
Due “assunzioni scomode“, senza concorso, scuotono le fondamenta di Assonautica Imperia, società emanazione della Camera di Commercio Riviere di Liguria, incaricata di organizzare lo storico raduno de “Le Vele d’Epoca”. Al centro delle polemiche la 35enne imperiese Marcella Roggero, candidata nelle fila di “Imperia Insieme” (224 preferenze al suo attivo), a sostegno del candidato sindaco Claudio Scajola, e il 34enne Riccardo Ghigliazza, consigliere comunale in carica e candidato tra le fila della lista “Imperia di Tutti Imperia per Tutti” a sostegno del candidato Sindaco Guido Abbo.

Dopo le dimissioni di Lucio Carli e quelle dell’ex direttore Karin Boriani, al vertice di Assonautica è approdato Enrico Meini, Presidente di Confartigianato. La Roggero è figlia di Massimo Roggero (ex presidente di Assonautica, con un passato ai vertici di Confartigianato) e amica d’infanzia di Lucia Scajola (figlia di Claudio), e fino a qualche mese fa lavorava, alla “World Trade Center Genoa”, Azienda Speciale della Camera di Commercio di Genova e La Spezia EPS.

Con l’arrivo di Meini, la 35enne è stata assunta, in sostituzione della Boriani, con un contratto a tempo determinato fino alla fine del 2018. Assonautica, lo ricordiamo, è un’associazione di carattere privato che però percepisce oltre agli importanti contributi degli sponsor, come Panerai, anche sovvenzioni comunali, regionali e Camerali per svariate decine migliaia di euro.
Motivo delle polemiche? La mancanza di un concorso o comunque di una selezione , così come avvenuto per l’assunzione del personale in passato.
L’assunzione della Roggero è stata proposta e approvata dal primo consiglio direttivo, convocato a metà gennaio del 2018 subito dopo l’avvento di Meini, composto da Davide Cane (Presidente Civ Borgo Marina), Guido Corradi (Dirigente di Banca), Piero Denegri (Confesercenti), Marco Di Masci (ristoratore di Borgo Marina), Giampaolo Nante (Go Imperia), Gianmarco Oneglio (Balneare, la sorella Nicoletta era tra i candidati di Claudio Scajola), Piergliulio Pivas (operatore portuale), Mario Quaranta (operatore portuale), Giacomo Rubaudo (Albergatore) e Marco Savini (presidente Imperia Yacht Club, candidato con Claudio Scajola).
È lo stesso presidente Meini a confermare la vicenda a ImperiaPost:“È vero, non è stata fatta nessuna selezione, l’assunzione del primo dipendente è una mia prerogativa. Ho chiesto alla Boriani di restare ancora un anno, ma aveva già preso altri impegni e la Roggero era la prima persona disponibile che avesse già lavorato nel settore della nautica. Non avevamo tempo per fare una selezione, eravamo in ritardo sulla tabella di marcia per l’organizzazione delle Vele. Il mio rapporto con il padre della Roggero? Sì è uno dei miei migliori amici a Imperia. L’impegno della Roggero in politica ha fatto discutere? Sì, ho sentito qualche voce, lei ha deciso di intraprendere questo percorso e se dovesse entrare in consiglio comunale o in giunta vedremo il da farsi”.
Stesso modus operandi per l’assunzione in Assonautica di Riccardo Ghigliazza, consigliere comunale di “Imperia di Tutti” e amico personale della Roggero. Anche in questo caso nessuna selezione è stata fatta per un contratto che durerà fino a metà settembre. Ghigliazza è inserito nello staff organizzatore.
A riguardo Meini dichiara: “Quello di Ghigliazza è un contratto stagionale. Confermo, anche in questo caso non abbiamo fatto una selezione, Ghigliazza a settembre concluderà il suo rapporto lavorativo con Assonautica”.
La decisione di assumere i due collaboratori senza concorso avrebbe fatto storcere il naso, e non poco, al vice presidente della Camera di Commercio Enrico Lupi e al liquidatore di Unioncamere Giorgio Marziano.
“Sì - ha confermato Meini – ma con Lupi ho ricucito il rapporto ora e stiamo valutando anche la partecipazione dell’azienda speciale “PromImperia” nell’evento, per quanto riguarda la parte a terra”.

Fonte: imperiapost
  • ghiglione.jpg
    ghiglione.jpg
In questi lunghi mesi di campagna elettorale ho incontrato e chiacchierato con molta gente. Abbiamo avuto modo di discutere e confrontarci concretamente su tanti temi, parlando chiaramente ed affrontando senza grandi giri di parole argomenti interessanti e basilari per il rilancio e la riqualificazione della nostra bella città e di tutto il suo inestimabile territorio.
Chi mi conosce sa che non sono un tipo da facili parole e l’impegno che ho messo nello svolgere la mia professione riassume l’uomo che sono
” – Così parla Claudio Ghiglione, esponete di spicco della politica Imperiese e candidato nella lista di “Imperia Insieme” che sostiene la candidatura di Claudio Scajola a Sindaco della città.
La nota stampa di Claudio Ghiglione



“Da parte nostra – continua Ghiglione – c’è assoluta trasparenza su quello che dovremo e bisognerà fare. Un programma chiaro e ben articolato, scandito da punti imprescindibili totalmente privo di bengodiane promesse elettorali, regalie, o miraggi balzani sull’abbassamento della tasse cittadine poiché le casse comunali vertono in uno stato di assoluta gravità e l’eredità lasciataci in dote si presenta alquanto miserevole.

E’ mia intenzione occupandomi da molti anni di urbanistica di iniziare un percorso amministrativo incentrato sullo sviluppo ed il progressivo snellimento delle tante normative che bloccano la ripresa economica della città.

Partendo dal comparto turistico, volano di quel settore edilizio così fortemente penalizzato dell’arretramento economico degli ultimi anni, ed operando principalmente nel recupero di tutti i fabbricati esistenti così da poter limitare al massimo le nuove costruzioni evitando in questo modo il logoramento di un territorio già abbondantemente saturo da cementificazioni ed abusivismi.

Per il raggiungimento di tali obiettivi è necessario affrontare alcuni argomenti ed in particolare la mia proposta nei primi 100 giorni di Amministrazione, è quella di rendere operativa la variante alla Legge Regionale n. 24/2001 modificata dalla Legge Regionale n. 30/2014 “Legge dei sottotetti”. Tale modifica di facile approvazione con Delibera del Consiglio Comunale consentirebbe a tutti i fabbricati esistenti alla data del novembre 2014 di poter essere recuperati con la trasformazione dei sottotetti in abitazione, la chiusura dei porticati in vani abitativi ed il cambio di destinazione d’uso dei piani seminterrati sempre ad uso abitativo.

Il campo applicativo di tale norma urbanistica/edilizia comporterebbe un sicuro sviluppo economico in quanto andrebbe a migliorare le esigenze abitative delle famiglie Imperiesi ed ancor più potrebbe rappresentare il vero tramite per il rilancio turistico consentendo il recupero di nuovi spazi da adibire a case vacanze, bed & breakfast ed agriturismi incentivando l’apertura di nuove attività turistico/ricettive.

Questo obiettivo concreto e non illusorio, porterebbe innumerevoli introiti alle casse comunali grazie al pagamento degli oneri concessori, tra l’altro già ridotti al 50% rispetto alla tariffa originaria, il tutto senza occupare neanche un centimetro quadrato del territorio libero.

Crediamo fermamente nella riqualificazione della città, nel completamento delle opere e delle infrastrutture nevralgiche per il suo rilancio, nel suo sviluppo economico, e in una rinascita socio culturale che la riporterà ad essere finalmente, una città viva, prospera e a misura d’uomo. Domenica 24 GIUGNO andiamo TUTTI a votare per Imperia, e da uomini e donne liberi, VOTIAMO per CLAUDIO SCAJOLA”.

fonte: imperiapost
IMPERIA INSIEME associazione culturale-via Tommaso Schiva, 62-18100 Imperia-info@imperiainsieme.it-91044600087
Proseguendo la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie impiegati dal nostro sito.
per maggiori info